Pesca. Sindacati: bene intervento su sistema sanzionatorio, ma rimane urgente questione ammortizzatori

“Consideriamo positivo quanto votato all’unanimità ieri dalla Commissione Agricoltura per la riforma del sistema sanzionatorio della pesca, perchè aveva preso forma una sproporzione inaccettabile tra le sanzioni e la gravità degli illeciti commessi. Ora è stato individuato un sistema che, in linea anche con le indicazioni dell’Unione Europea e con quanto da noi più volte richiesto, pur non concedendo alcuno sconto sul fronte del contrasto all’illegalità e alla pesca non regolare, sanziona in maniera differenziata e graduata i diversi illeciti commessi, e questa è per i lavoratori e le imprese del settore una buona notizia. Ci auguriamo che il lavoro della Commissione sia confermato in aula in tempi rapidi”.
Lo dichiarano in una nota Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Pesca.
“Rimane urgente – aggiungono i sindacati – un intervento che attraverso gli ammortizzatori sociali renda strutturale il sostegno al settore, estendendo alla pesca lo strumento della CISOA Agricola. È un obiettivo non più rinviabile anche alla luce degli eventi di calamità che hanno colpito negli utimi mesi l’intero comparto. Abbiamo chiesto su questo un tavolo interministeriale di crisi, e ci auguriamo sia istituito al più presto per affrontare le criticità che stanno danneggiando il settore e rilanciarlo con una solida visione di lungo periodo”.